blog & news

Chi ha visto lo spettacolo “La vita secondo John Cusack” oppure ha letto il testo (che comunque sarà pubblicato qui nella nuova versione in italiano e in inglese), per cortesia scriva i propri commenti all’indirizzo mail del sito e non ad altri. Le vostre osservazioni saranno trasmesse alla compagnia inglese che lo metterà in scena  e io risponderò a tutti privatamente anche se non prima della fine di febbraio. Vi ringrazio in anticipo della vostra attenzione e collaborazione. Mi auguro che questa nuova esperienza si fondi  sul rispetto reciproco, la disponibilità , la comunicazione e porti alla soddisfazione di tutti. Onward!!!

Ogni filo l’erba ha il proprio angelo che si piega su di lui sussurrando…”Cresci, cresci”   (Talmud)

bacheca

YOU!
Qualche riflessione sulla serie Netflix,   molto seguita ma stranamente con scarso entusiasmo, dopo la puntata pilota. Al centro (ma vi sono diverse diramazioni inutili) ci sono le vicende di Beck e Jo, la solita aspirante scrittrice delusa e maniaca del sesso pret-à-porter e il solito stalker psicopatico, abilissimo nel progettare e dissimulare. Anche se la storia è un po’ banale, pure avrebbe avuto buone possibilità di essere avvincente, specialmente grazie alle parti ambientate nella  bellissima libreria di testi antichi con annesso sotterraneo blindato  ultratech, adibito alla conservazione degli esemplari rari e usato in parecchi altri modi alternativi. (altro…)

video

 

Ricordando  il meraviglioso allestimento di
Helter Skelter
regia di Pietro Dattola
con Flavia del Lipsis e Simone Castano
drammaturgia di Paola Moretti

Teatro dell’Orologio
Teatro Trastevere

 

 

gli articoli più letti del blog

Autocombustione al Burning man

Come ogni anno a Black Rock City, nel deserto del Nevada, 70.000 persone si sono radunate per celebrare…
Ma che cosa si è celebrato? Comincia a sfuggirmi il senso di questa operazione grossa, grassa e costosa.
Costosi i biglietti, anche se li compri un anno prima. Da 500 dollari si passa ai 2000 e oltre per complesse operazioni di bagarinaggio. Il viaggio è costosissimo e infinito (altro…)

Il vortice, le paperelle e la bellezza comunque

Nel 1992 una nave perse dei container durante la rotta verso gli Stati Uniti, riversando 28.000 paperelle di gomma nel Pacifico. Dieci mesi dopo le prime paperelle comparvero sulle coste dell’Alaska. Da allora sono state trovate alle Haway, in Sud America, in Australia. Alcune attraversarono lentamente la banchisa artica, ma duemila di esse rimasero intrappolate (altro…)

Affrontare le critiche

Come afferma Julia Cameron,  è importante distinguere le critiche utili da quelle distruttive e spesso abbiamo bisogno di capire la differenza per conto nostro. Come artisti, siamo in grado di discernere la natura delle critiche molto più di quanto la gente possa sospettare. Una critica seria e mirata dà all’artista un senso di sollievo, in quanto lo lascia con la sensazione di aver risolto un problema o di aver aggiunto un tassello al suo puzzle. (altro…)