Ciò che percepiamo della vita è la nostra immagine come riflessa in uno specchio e, quando nello specchio entra un’altra persona procurandoci un’emozione, crediamo di amare e di essere amati in una dimensione di eternità. E’ una deduzione insensata sotto certi aspetti.
Noi non possediamo nessuno e chi entra nel nostro spazio affettivo deve essere libero di esprimere ciò che è, di andarsene quando vuole. E’ solo un altro dei nostri mentori, ci insegna qualcosa anche facendoci male, ci spinge verso nuove esperienze, ma non ha altri motivi per restare.
Il nostro ego ne è distrutto, il nostro bambino interiore piange e si dispera, si sente ancora una volta non protetto, non accudito, non amato e tradito da chi avrebbe dovuto fare tutte queste cose, in genere mamma o papà. Il tocco di una mano, uno sguardo, un sorriso, una promessa rassicurante quanto falsa,

fanno esplodere il bisogno disperato in tutta la sua tossicità. E’ una tragedia apparente, ma tutto è solo un sogno nella vera realtà.
Se qualcuno di voi ha fatto esperienza di kayak sulle rapide americane, sa che mai e poi mai bisogna remare contro corrente per evitare di schiantarsi contro le rocce. Più sbatti i remi in preda al panico e maggiori sono le possibilità di venire sbalzati in acqua. Viene suggerito di porre i remi sull’imbarcazione e accettare il movimento forte delle onde anche quando sembrano sul punto di ucciderci.
Letting go…
Spesso lasciare andare le cose è un atto di più grande potere che difenderle o aggrapparsi ad esse.
Chi se ne va lascia uno spazio, non un vuoto. E in questo spazio enorme e libero irrompe con forza ciò che è importante e decisivo per il nostro viaggio. Prime fra tutte le splendide divinità dell’Autostima e della Creatività, che ci circondano teneramente e ci insegnano a non appoggiarci a chi verrà per una stagione o forse di più e che comunque la porta dovrà restare sempre bene aperta per azioni di libero arbitrio.
Coraggio! Aspetto le vostre esperienze

(la bellissima foto in homepage è utilizzata per gentile concessione dell’artista @fairhoneypeople – All rights reserved)

Comments

comments