E’ in arrivo un nuovo progetto teatrale per il prossimo anno. Subito scatta la consueta critica, il noto rimprovero. Qualcuno mi dice che devo venire fuori di più nei social. Io odio i social.
Devo fare più interviste. Che noia.
Devo farmi fotografare di più. Che perdita di tempo.
Abbandonare l’eccesso di riservatezza.
Ma sul serio tutto questo c’entra con il teatro?
Ognuno è fatto a suo modo, non riesco a omologarmi a uno standard.
Sono timida, ma il mio teatro è forte e potente. Parlerà a mio nome e si farà fotografare in tutta la sua bellezza. Lo giuro.

Comments

comments