A lotta love and lotta cool energy!

C’è un bellissimo video per la canzone Photograph di Ed Sheeram, piuttosto inconsueto, originale. Vediamo Ed di pochi mesi, sorridente e pieno di gioia di vivere, circondato e coccolato dalla sua famiglia. Quando Ed si fa più grande  la mamma gli insegna a suonare il piano, perchè la sua passione per la musica è incontenibile. Poi, crescendo, passa ad altri strumenti come il violoncello, il tamburo, la batteria e la chitarra, Continua a leggere

Divino John…so much gravity

Quando una casa di produzione  accettò inaspettatamente una proposta di documentario sui concerti Crossroads, di colpo mi resi conto della mia follia. Come mi era venuto in mente? Che ne sapevo di come ci si rapporta con una rock star? Le mie mediocri conoscenze musicali mi avrebbero assistito? Mi sentivo così misera, così poco professionale. L’operazione di autosabotaggio era più distruttiva del solito, Continua a leggere

LE DOMANDE DI PINA

Alcuni anni fa  al Festival di Spoleto ebbi la fortuna di vedere l’ultimo spettacolo di Pina Bausch. Era un’opera “incompleta”, perché lei era morta alcuni mesi prima e nessuno dei suoi collaboratori l’aveva ultimata. Giustamente. Nel secondo tempo, quindi, si ripeteva la coreografia del primo. Mi trovai immersa in sensazioni che toglievano il respiro: il profumo del cardamono, Continua a leggere

UN MESSIA D’ARGILLA

Il procuratore della contea di St. Louis ha annunciato che il Grand Jury (composto da nove bianchi e tre neri) ha deciso di non incriminare l’agente Wilson che uccise un ragazzo di 18 anni, Michael Brown. Obama ha suggerito di “rispettare la decisione”. Obama… l’uomo nuovo, il messia, colui al quale fu assegnato il premio Nobel per la pace all’indomani della sua elezione (forse perché dopo sarebbe stato moralmente impossibile) . Continua a leggere

Mangia, prega…e scrivi!!!

I giovani scrittori o aspiranti tali si chiedono spesso come si supera il cosiddetto “blocco creativo” e quanto tempo  dedico giornalmente alla scrittura. Non credo si possa dare una regola o una spiegazione che vada bene per tutti. Nessuno potrebbe farlo.  A mio parere il blocco creativo è sintomo che qualcosa nel nostro mondo sta cambiando o morendo. E’ come quando un amico amatissimo ci lascia senza motivo: Continua a leggere

Lavorare con i social media spesso non comporta altro che scrivere qualche cosa in una casella. Quel che si scrive spesso dipende dagli stimoli forniti. Facebook ti chiede di parlare di te: “A cosa stai pensando?”. Twitter non è migliore quando domanda: “Che c’è di nuovo?” A me piace la tag line di dribbble. com : “A che stai lavorando?” Non mostrare il pranzo o la colazione o il gatto o i piedi… mostra il tuo lavoro! Continua a leggere

Helter Skelter

Cosa può succedere quando un uomo e una donna che abitano nello stesso palazzone di periferia, separati da un muro sottile che permette di spiare ogni parola e quasi ogni respiro, finalmente si incontrano e passano insieme una lunga notte? Qualcosa di imprevisto e di irreparabile, perché non riescono a superare il vero muro di solitudine, fantasie, menzogne e manipolazioni creato dalla loro difficoltà ad aprirsi all’amore.  Ho scritto questo testo pensando a uno dei più grandi attori e commediografi italiani, Annibale Ruccello, Continua a leggere

DON’T LET ME DOWN, BERNARDINI!

E’ di nuovo nelle edicole la leggendaria rivista Rolling Stone Italia, dopo mesi di immotivata scomparsa. E’ stato creato un nuovo gruppo di lavoro formato da persone Rolling che, come afferma lo stesso editore Bernardini, ” vivono il divenire, osano, provano, sperimentano, se necessario rinunciano, perché sono disponibili a riconoscere che la prima proposta può essere superata da una successiva e potenzialmente migliore.” Che cosa voglia dire non lo so Continua a leggere

Premi in scadenza

Il 15 settembre scade il premio di drammaturgia DCQ-Giuliano. Come sapete, mi sono spesso battuta contro i premi fasulli, gestiti da gente equivoca che vuole trarne solo  un qualche beneficio personale. Quindi, tutti quelli che segnalo su questo blog sono degni di attenzione, almeno a mio parere. Potete scaricare il bando cliccando su Dramma.it nella homepage del sito e… vincete, vincete, vincete!!!! Vi ricordo che il testo, a tema libero, deve costituire spettacolo completo (oggi si prediligono testi che non superino la durata di 60-90 minuti) e può appartenere a qualsiasi genere e forma. Ricordo anche Continua a leggere