DURAS, mon amour

A questo testo teatrale, premio Luigi Antonelli di Castilenti, ho lavorato molto tempo, portando avanti ricerche infinite. E’ uno di quei lavori in cui la mente si perde, risucchiata dalla storia.
Marguerite Duras: dalla mitica, leggendaria adolescenza, con una madre difficile ma straordinaria e un amante cinese rimasto nell’immaginario collettivo, fino al durissimo presente, segnato dall’alcolismo. Voci, situazioni, perdite, raccontate a Yann Andrea, il giovane compagno degli ultimi anni, instabile ed enigmatico.
Foto: Luana Iorrillo

Comments

comments