Ebook 3

Durante la scorsa settimana avevate come compito quello di individuare un argomento di vostro interesse, qualcosa che conoscete e che volete divulgare con semplicità. Faccio un esempio: la mia amica Mara, capace di creare fiori meravigliosi con la stoffa, potrebbe scrivere qualcosa che spieghi come preparare decorazioni floreali natalizie. Il mio amico Filippo, grande addestratore dei propri cani, sarebbe in grado di lavorare su questo argomento con successo di vendite. Io, come tanti, comprerei subito il suo manuale e certo non starei lì a preoccuparmi dello stile o delle figure retoriche.

Abbiamo detto che questo ebook ha un fine puramente utilitaristico, ma comunque ci impegneremo a scriverlo al meglio.
Fissato l’argomento, vi consiglio di raccontarlo a qualcuno diffusamente, per capire quali sono i punti che interessano di più e quali risultano noiosi. Parlare con una persona è molto importante, perchè se si diverte, si interessa o si annoia lo capirete subito dal suo sguardo.
Una volta fatta questa verifica, cominciate a suddividere in parti quello che volete dire: non necessariamente in capitoli, anzi questa scansione la lascerei proprio stare. Cercate di individuare solo le varie fasi in cui la vostra proposta si articolerà. Diciamo, non più di cinque. Infine, il terzo compito della settimana sarà quello di stabilire quanto tempo intendete dedicare alla scrittura. Un’ora? Due? L’intera giornata? La notte? Cercate di essere realistici, (come quando iniziamo una dieta e l’app ci consiglia di porre come scopo un peso accettabile) ma considerate pure che senza un piccolo sforzo di volontà non si arriva a niente.Lavorate dunque a questi tre punti con cura e senso pratico. Una cosa molto importante è la seguente: quando raccontate a qualcuno l’argomento prescelto, fatelo senza mai far capire che avete intenzione di scrivere un libro. Questo è fondamentale!!!
L’artista che è in voi potrebbe spaventarsi davanti a dubbi o derisioni. Julia Cameron, nel suo capolavoro ” La via dell’artista”invita a tenere cura della nostra creatività, come fosse una pianticella giovane e fragile, che potrebbe appassire facilmente sotto il gelo di un commento cattivo. Onward!

Comments

comments